Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Privacy Policy Sitocookies
Contenuti | Motore di ricerca | Indirizzo del Comune | Social | Sezioni del sito | Link Rapidi | Privacy e dichiarazione di accessibilità
Sezioni del sito:
Amministrazione |
Servizi |
Comunica |
Borgomanero |
Pubblicazioni |
Sportello digitale del Cittadino |
Link Rapidi |

briciole collegamenti

Dati generali sulla città di Borgomanero

Borgomanero: Provincia di Novara C.A.P. 28021 - Prefisso Teleselettivo: 0322
PATRONO: San Bartolomeo - 24 agosto


In un paesaggio dominato dalla catena delle Alpi, poco più a sud del Lago d'Orta e a sud-ovest del Lago Maggiore, nel lembo settentrionale della pianura novarese che, attraversato dal fiume Agogna, si insinua tra le colline di San Michele, Maggiate e Santa Cristina a oriente e quelle di Vergano, Colombaro e Cureggio a occidente, sorge Borgomanero, il centro urbano più importante della provincia di Novara dopo il capoluogo.
Cittadina moderna, ma dalla spiccata identità storica e culturale, Borgomanero si presenta come sintesi equilibrata della varietà di paesaggi e degli orientamenti economici della zona, luogo di incontro tra le realtà locali più chiuse e l'influenza dei maggiori centri oltre-ticinesi.
Lo stesso impianto urbanistico, costruito sul modello tardo medioevale della crux viarum, sembra rappresentarne l'equilibrata ricettività; fu proprio il fatto di essere naturale crocevia delle strade che conducevano da Novara alla Riviera d'Orta e al Sempione, e da Torino e dalla Valsesia al Lago Maggiore, il motivo principale della costruzione del borgo, destinato a divenire punto di riferimento per il commercio. La città, di forma pressappoco rettangolare, si dispone infatti su due assi ortogonali, le vie principali (larghe 12 metri, il doppio delle vie secondarie) che si intersecano originando la piazza centrale porticata, presidiata dalla chiesa di San Bartolomeo. La dimensione degli isolati che vengono a formarsi nei quattro rispettivi "quartieri" decresce dal centro alla periferia, e ciò fa della città un prototipo della visione architettonica prerinascimentale. Sono presenti alcune ovvie anomalie rispetto a questo modello astratto, opera di architetto ignoto, sia per ragioni geografiche sia per ragioni storiche (la preesistenza a nord, per esempio, del nucleo abitativo di San Leonardo, successivamente inglobato), eppure tale modello sancisce la predisposizione alle attività agricole e commerciali della città. Ancora oggi il mercato di Borgomanero del venerdì, di cui si hanno notizie già nel 1220, è assai rinomato.
Borgomanero si estende per 32,36 kmq (l'altitudine media è di 308 metri slm) sulle rive del torrente Agogna; 30 km a nord di Novara della cui provincia fa parte. Nel 2004 ha superato la soglia dei 20.000 abitanti (per i dati demografici completi si veda l'apposita sezione).
La posizione della città è davvero eccellente: Borgomanero, infatti, s'adagia nella fascia settentrionale della pianura novarese (qui,è presente la cerealicoltura), cinta, ad oriente, dai rilievi di Santa Cristina, San Michele e Maggiate e ad occidente, da quelli di Vergano Colombaro e Cureggio. Dove, senza dubbio, non sono infrequenti i vigneti.

[ Torna all'inizio della pagina ]